Profilo di Roberto Lobrano

Roberto Lobrano, classe 1966, è il titolare di IceRock Consulting.

Figlio d’arte, il padre Sergio è gelatiere dal 1976 ed è stato per molti anni Presidente del Comitato Gelatieri della Provincia di Savona – Gelato d’Arte.

Dopo gli studi universitari, un master in marketing e comunicazione ed uno sulla realizzazione di eventi culturali e promozionali, è stato allievo ed ha collaborato con numerosi maestri gelatieri, tra cui Luca Cavieziel, Angelo Grasso e Donata Panciera.

E’ docente di gelateria e marketing sul punto vendita presso diverse scuole in Italia e all’estero e si occupa di consulenze fin dal 2001 a livello internazionale.

E’ stato uno dei docenti senior della Carpigiani Gelato University di Bologna, ha formato i Maestri della Gelateria Italiana e ha collaborato con l’Università dei Sapori di Perugia. Ha collaborato con l’Università di Bologna, Facoltà di Farmacia del Polo di Rimini per un corso sulle proprietà nutraceutiche del gelato artigianale.

Nel 2010 è stato direttore didattico di Gelateneo, la scuola di gelato classico in seno al gruppo Iceteam 1927.

Nelle stagioni 2010-2011 e 2011-2012 è stato Direttore della Scuola di Gelato di Morciano di Romagna.

Dal 2014 collabora con il Libero Istituto di Arte Gelatiera per i corsi di marketing e comunicazione in gelateria.

E’ Presidente dell’Associazione Culturale “Gelatieri per il Gelato” fondata insieme a Luca Caviezel ed altri illustri gelatieri italiani.

Ha prestato la propria opera di consulenza e formazione nel campo della gelateria nei seguenti paesi:

Gran Bretagna, Irlanda, Belgio, Portogallo, Grecia, Francia, Germania, Olanda, Montenegro, Svizzera, USA, Taiwan, Cina, Indonesia, Australia, Marocco, Algeria, Emirati Arabi, Arabia Saudita, Brasile, Slovenia e Canada.

Ha pubblicato nel 2005 il primo libro italiano di marketing applicato in gelateria: Il Gelato, come venderlo meglio (Finedit).

Ha collaborato con diverse riviste di settore tra cui “Il Gelatiere Italiano”, e “Dolcesalato” fin dal 2005.

Ha contribuito a dare vita ad alcuni dei concetti più innovativi di gelateria come The Icecreamists di Londra, Cioccolatitaliani di Milano, Gaya Gelato in indonesia ed ha creato la prima linea di gelato adatto al consumo dei cani d’Italia (IceBau nel 2005).

Nel 2013 ha ultimato il suo nuovo volume sul marketing in gelateria dal titolo: Gelato Business Start-up e marketing innovativo in gelateria.

Dal 2016 studia, in collaborazione con il CNR-IBIMET di Bologna, il sistema scientifico dell’analisi sensoriale del gelato.

E’ fondatore con Alberto Marchetti della Scuola Internazionale di Alta Gelateria che ha sede a Torino.

La filosofia di Roberto:

I suoi inizi lo hanno visto alle prese con una macchina verticale a bastone dalla quale, con il padre Sergio, estraeva pochi gusti di gelato che venivano riposti in tonde carapine a scomparsa dentro ad un banco a pozzetti. Era la seconda metà degli anni ‘70 nella gelateria di famiglia a Celle Ligure (provincia di Savona) ed il gelato era ancora vissuto come un qualcosa di misteriosamente buono da estrarre magicamente alzando un coperchio di acciaio luccicante.

Col tempo la necessità di mostrare un prodotto che andava venduto anche “con gli occhi” ha portato al naturale approccio con le vetrine di esposizione e alla scelta di macchinari più moderni per una produzione più rapida ed efficiente, soprattutto nei momenti di maggiore lavoro.

Oggi, dopo molti anni di gavetta e di studi di approfondimento sulle materie prime, le metodologie di produzione, la chimica e la fisica del freddo affiancate ad un crescente interesse per il mondo della comunicazione e del marketing, Roberto si occupa in modo prevalente di consulenza ed insegnamento nel mondo della gelateria.

Dal 2001 al 2007 ha gestito in autonomia la propria gelateria separata dall’azienda di famiglia, iniziando contestualmente la consulenza a livello internazionale.

Dopo anni di lavoro, confronti con colleghi, prove ed errori la sua filosofia non è cambiata: massima attenzione alle materie prime, alta qualità e ricerca costante per il miglioramento del prodotto e delle metodologie di produzione, ma anche ricerca storica, approfondimento culturale e riscoperta di ricette e metodologie antiche. Affiancamento delle migliori tecnologie alle metodologie artigianali in vista dell’ottenimento del massimo risultato sia in termini di qualità del prodotto che del lavoro.

La filosofia di Roberto Lobrano è che il gelato è la vendita di un’emozione che deve incuriosire nelle sue modalità di produzione ma che va scoperto poco a poco, assaggio dopo assaggio…

Per ulteriori informazioni e contatti: info@icerock.it

Annunci

6 commenti

  1. Caro Roberto, ti ringrazio per il link che mi hai trasmesso relativo al progetto “Gelatieri per il Gelato” che ha già sviluppato alcuni incontri interlocutori per cominciare ad inquadrare il problema.
    Non ne sapevo nulla e mi dispiace di non aver potuto partecipare.
    Veniamo al dunque. Come leggo i personaggi che ruotano intorno al problema sono sempre gli stessi che spesso si odiano tra di loro. Questo è probabilmente il motivo principale per cui non si arriva ancora ad una soluzione. L’altro motivo è “politico”, mi spiego meglio, qualcuno vede il suo ruolo in questi contesti come inattaccabile e lo utilizza come un bonus da spendere in contesti istituzionali nazionali e internazionali (probabilmente hanno mire politiche) per cui fatica a farsi da parte e a lasciare il suo posto a interlocutori più “idonei”.
    Io da tempo dico che la soluzione deve passare prima di tutto attraverso il riconoscimento istituzionale della professione di gelatiere (come quella di pasticcere, pizzaiolo, cuoco-ristoratore, etcetera). Per quanto riguarda il riconoscimento del prodotto abbiamo un esempio semplice ma eccezionale come manifattura che è il codice di autodisciplina dell’IGI, prendiamolo come base e su quello rivedendo alcuni parametri realizziamo il nostro senza scendere nei dettagli di semilavorati e macchine.
    Ci vediamo al SIGEP.
    Buona giornata. Francesco Palmieri

  2. Buongiorno, gestisco una struttura che comprende un ristorante, una gelateria ed una pasticceria a Soverato, in provincia di Catanzaro.
    Il ns. gelatiere è riuscito a creare il vero “gelato artigianale” abolendo l’utilizzo dei prodotti semilavorati e prediligendo prodotti di alta qualità quali il pistacchio di Bronte e la nocciola IGT del Piemonte.
    Purtroppo nella nostra zona c’è un proliferare di “gelaterie artigianali” che di artigianale hanno veramente poco ed il cliente medio non è abituato alla vera artigianalità!
    Le gelaterie artigianali, quelle vere, dovrebbero essere tutelate da un marchio, da qualcosa che le distingue ma a quanto pare questo non avviene!
    Cosa si potrebbe fare per tutelare i veri gelatai quindi tutelare i consumatori ignari di ciò che effettivamente mangiano (evitando di creare marchi “commerciali” che fornirebbero il marchio a chi sponsorizza questa o quell’altra azienda?)?

    La ringrazio per l’attenzione.
    Cordiali saluti
    Zaira MErcurio

  3. buongiorno, sono un attento consumatore di gelato artigianale da sempre in Sicilia a far vacanze ormai da 40 anni, una terra dove la pasticceria e la gelateria con influssi della tradizione araba la fa da padrona e conosciuta in tutto il mondo. Entusiasta di questa terra e di tutto quello che a livello enogastronomico offre.
    Incomincio ad essere deluso e sconcertato dal proliferare di gelaterie artigianali che di artigianale non hanno più niente. Miscelatori di tutto punto, capisco che il tempo è denaro ma dove stiamo andando???? aiuto!!!
    anche famosi brand storici hanno ceduto a scorciatoie, risultato: presentazione bellissima con decorazioni a tema e nulla più. Ho trovato pochissimi veri gelatieri del gelato: si possono contare su una mano.

    Cordiali saluti.
    Luca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...