The Icecreamists: La prima gelateria rock parte da Londra…

The Icecreamists – gli estremisti del gelato – è un concetto deliziosamente sovversivo nell’ambito del settore della gelateria.Gelato estemporaneo con l'azoto liquido

Stilisticamente è tra Vivienne Westwood, Agent Provocateur e Alice nel paese invernale delle meraviglie. Provocatorio, satirico, giocoso, sexy e… molto rock’n roll.

È esattamente il contrario di ciò che ci si può aspettare da una classica gelateria dai colori chiari o variopinti.

spiccano e concentrano l’attenzione del cliente.

È stata aperta al pubblico da pochi giorni al 400 di Oxford Street, all’interno dei magazzini Selfridges ed è un’installazione che durerà solo 2 mesi: dal 10 settembre al 31 ottobre 2009, dopodichè si trasferirà in una località segreta, sempre in centro a Londra…

La linea di produzione del gelato e le ricette originali sono state create dal maestro gelatiere ligure Roberto Lobrano, che ha sposato l’idea con entusiasmo (egli stesso nel 2001 aveva testato a Celle Ligure il prototipo della prima gelateria musicale italiana: l’Ice Rock Café).

Sex pistol cryogenic cocktail

I gusti sono essenziali ed hanno una caratteristica comune: portano a viaggiare intorno al mondo. Accanto a classici come la vaniglia tahitiana, il cioccolato fondente Venezuelano, il pistacchio di Bronte e la nocciola Piemontese, si possono trovare gusti particolari come lo zenzero asiatico, la cannella nord africana o l’acqua di rosa iraniana ed un gelato molto particolare chiamato informalmente “Viagra naturale” poiché contiene alcuni ingredienti stimolanti come il guaranà il ginko biloba e l’arginina.

Tutti hanno un altro denominatore comune: l’effetto “wow”. La ricerca sulle formule è stata attenta ed accurata e il risultato è una rosa di 18 gusti dalle caratteristiche gustative intense e strutturali eccellenti, fatti con materie prime naturali, selezionate e di altissima qualità. Nessun colorante, grasso idrogenato o additivo sospetto sono presenti nel gelato o nello yogurt soft che, al contrario, ha caratteristiche salutari notevoli. Ad esempio lo yogurt è dolcificato solo con fruttosio, ha meno del 3% di grassi ed è addizionato di fibre alimentari pre-biotiche.

ingresso da Selfridges

La tradizione del gelato artigianale è dunque l’anima del progetto, ma accanto ad essa convivono nuove idee ed “esperienze” che rendono interessante e magico questo luogo. Ad esempio il connubio tra gelato ed alcolici nella preparazione di cocktails gelati passa attraverso l’uso scenografico dell’azoto liquido.

Tutto all’interno del locale porta alla necessità di spettacolarizzare l’esperienza e creare entertainment. Il palco alle spalle del banco gelati ospita la band residente che a ore stabilite sale e suona dal vivo musiche originali e cover rock, mentre in una saletta interna è possibile assistere a proiezioni artistiche e provocatorie.

Il laboratorio di produzione del gelato è a vista, separato dal locale solo da una vetrata.

il banconeIl personale è giovane ed attraente ed il tutto corre sul filo sottile tra la provocazione e il gioco, come lo stesso logo del locale: un teschio con gli occhiali da sole, corona e ali e, al posto delle ossa di piratesca memoria, due grossi cucchiai incrociati…

Per avere un’idea visitate il sito www.theicecreamists.com.

Annunci

4 pensieri riguardo “The Icecreamists: La prima gelateria rock parte da Londra…”

  1. Davvero una bella trovata!! Divertente e alla moda! ..fantastico!!!!!
    ..fatemi sapere dove si trasferirà definitivamente questa magnifica gelateria!! Grazie..
    Ciao a tutti.

    1. Attualmente non è stato ancora reso noto il luogo per la prossima performance e se sarà definitiva o temporanea. Non appena The Icecreamists tornerà lo scoprirete… stay tuned.

  2. Caro Fabio, grazie del commento. La volevo informare che l’idea del gelato per cani è molto più vecchia di quanto lei creda.
    Non avevo notizia del sigor Brega, che non ho il piacere di conoscere, ma sono certo che il “pet gelato” è stato proposto per la prima volta da Paolo Della Zorza, un gelatiere italoamericano (ex veterinario) negli stati uniti alla fine del secolo scorso. Io ebbi il piacere di conoscerlo ad una conferenza nel gennaio del 2005 e a quell’epoca in Italia nessuno stava proponendo tale prodotto. Dare un gelato al proprio cane è cosa normale da sempre, ma prepararlo appositamente con una ricetta specifica che non gli faccia male è tutt’altra cosa. Può anche capitare che la stessa idea possa venire a diverse persone che non hanno mai sentito parlare l’uno dell’altro. L’importante è sapere come rendere le idee utili anche agli altri; del resto creare significa realizzare un assemblaggio originale e pertinente da elementi pre-esistenti.
    Cordialmente Roberto Lobrano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...